La MEMORIA della città

I Racconti del Mare

Storie di vita, di pesca… di passione!

Tutti i RACCONTI del MARE

Laboratorio di Comunità

I venerdì in biblioteca con la tua storia su Porto Cesareo e il suo mare.

I Laboratori di comunità sono occasioni di incontro tra Amministratori locali, Associazioni e Cittadini attivi Insieme per uno scambio intergenerazionale

Fra le persone coinvolte nel laboratorio si crea una comunità di pratica, basata su una comune esperienza resa possibile dal comune interesse ad apprendere attraverso lo scambio e l’interazione.

Porto Cesareo è una terra di esperti pescatori e di donne laboriose che hanno intessuto la vita della città attraverso l’arte antica della pesca, come patrimonio produttivo del territorio. Il mare rappresenta il teatro naturale dell’uomo e della sua storia, dove ogni scelta è nata, dove ogni soluzione è venuta alla luce: luogo di scambio, di civiltà, di lingue, di culture, di arti, di etnie, di pensiero.

La tua terra, il tuo mare, raccontano tante storie troppo spesso dimenticate e sminuite. Queste storie sono patrimonio di tutti, un patrimonio inestimabile che è bene conservare nella memoria e negli occhi di tutte le generazioni.
Il Laboratorio vuole mettere a confronto due generazioni che insegnano e sorprendono più di quanto si possa immaginare.

Laboratorio di Comunità: Storie e tradizioni di ieri e di oggi mettono a confronto nonni e bambini 

Il Laboratorio prevede un ciclo di incontri con la comunità di Porto Cesareo per la ricerca e la raccolta di storie sui temi della pesca e del mare, ma anche sulle tradizioni e le leggende.
Gli incontri sono finalizzati a coinvolgere la popolazione di Porto Cesareo in un’azione di ricerca sul patrimonio immateriale del paese.

Sono previsti 5 INCONTRI.
Le storie raccolte saranno archiviate digitalmente e messe a disposizione dell’utenza (locale e turistica) della biblioteca comunale in un’apposita area del sito della Biblioteca.

Tradizioni di ieri e di oggi mettono a confronto nonni e bambini⌛Ai miei tempi.. quante volte hai pronunciato queste parole?
A te Nonno, che più invecchi e più ti accorgi che l’infanzia e la vecchiaia si distanziano sempre più per esperienze, modi di vivere, modi di pensare.Una vita da pescatore, uscivi in mare per più giorni, per pescare più pesce. Poi hai continuato a vivere di pesca, con questo lavoro, perché hai il mare nel sangue. La barca era il tuo mondo e hai tramandato i saperi del mestiere a tuo figlio che ancora oggi è pescatore o forse no perché la vita oggi è cambiata tanto. Nonno, attraverso le tue storie, tuo/a nipote potrà conoscere il mare, come risorsa economica, fonte di benessere e luogo della memoria e della prospettiva futura.
A te bambino/bambina che tante volte hai sentito il nonno dire: ”Eh, ai miei tempi…!” e non riesci ad immaginare come potesse vivere senza telefono cellulare, senza televisore, senza pay TV, insomma senza tutto ciò che ti sembra scontato nelle tue giornate.
Ascoltare le storie e i racconti del nonno può essere divertente, potrai diventare custode delle sue memorie da tramandare, intervistarlo, fare video e raccogliere le sue fotografie per dare vita ad una scatola dei ricordi che poi saranno i tuoi di ricordi, quelli del tuo paese, del tuo mare, della tua estate.
Nonni e nipoti, diversi i ruoli: i nonni sono gli unici in grado di gettare un ponte tra un mondo di memorie lontane e un domani tutto da costruire.Coniugare la saggezza dei nonni con la passione dei giovani è il primo obiettivo del progetto.
Il progetto prevede che gli anziani pescatori di Porto Cesareo attraverso forme di partecipazione attiva delle famiglie, dei giovani, degli anziani, raccontino le proprie esperienze in mare arricchite da testimonianze fotografiche a bambini/e, giovani che produrranno documenti audio e video amatoriali.
Lo scopo è quello di comprendere e riconoscere la propria identità culturale, raccogliere testimonianze, mappare la propria storia, conoscere il mare e imparare a riconoscerlo come risorsa.

Fai del bene alla Comunità, la Tua:✅Iscriviti e Partecipa agli incontri del Laboratorio di Comunità ✅Raccontaci la tua esperienza ✅Partecipa al Concorso
Finito! Basta poco no?!

IL MARE RAPPRESENTA IL TEATRO NATURALE DELL’UOMO E DELLA SUA STORIA, DOVE OGNI SCELTA È NATA, DOVE OGNI SOLUZIONE È VENUTA ALLA LUCE: LUOGO DI SCAMBIO, DI CIVILTÀ, DI LINGUE, DI CULTURE, DI ARTI, DI ETNIE, DI PENSIERO. PORTO CESAREO È UNA TERRA DI ESPERTI PESCATORI E DI DONNE LABORIOSE CHE HANNO INTESSUTO LA VITA DELLA CITTÀ ATTRAVERSO L’ARTE ANTICA DELLA PESCA, COME PATRIMONIO PRODUTTIVO DEL TERRITORIO. IL PERCORSO “ I RACCONTI DEL MARE” HA LO SCOPO DI FAR ACQUISIRE AI BAMBINI E AI RAGAZZI LA CONSAPEVOLEZZA CHE IL MARE RAPPRESENTA LA RISORSA NATURALE PIÙ IMPORTANTE DEL TERRITORIO, DALLA QUALE PUÒ SCATURIRE UN FORTE LEGAME IDENTITARIO  CON LA PROPRIA TERRA. 

🔴🔴🔴A seguito del DPCM del 4 marzo 2020, L’incontro di venerdì 6.03 per il Laboratorio di Comunità “I Racconti del mare” è stato rinviato.

Gli anziani pescatori di Porto Cesareo attraverso  la narrazione di racconti, di storie antiche di pesca e di vita di mare guideranno i bambini e i ragazzi verso la conoscenza del mare, come  risorsa economica, fonte di benessere e  luogo della memoria e della prospettiva futura. Pertanto, le storie narrate proporranno il mare come protagonista di vita, di musiche, canti, tramandati da padre in figlio per generazioni.